DECRETO FISCALE COLLEGATO ALLA LEGGE DI BILANCIO: NOVITA’ PER GLI APPALTI

La  legge 157 del 19/12/2019 (che ha convertito il DL 124 del 26/10/2019) prevede numerose novità a livello fiscale.

In relazione alla gestione del personale, segnaliamo l’importantissima novità in tema di versamento di ritenute fiscali e di contributi nell’ambito dei contratti di appalto o di prestazione di opere o servizi.

In caso di appalto è previsto per il committente e l’impresa appaltatrice la responsabilità solidale per le ritenute fiscali inerenti all’appalto in questione.

In relazione a tali obblighi, nei 5 giorni lavorativi successivi rispetto alla scadenza del termine per il pagamento delle ritenute, l’impresa appaltatrice o affidataria e le imprese subappaltatrici trasmettono al committente, e per le imprese subappaltatrici, anche all’impresa appaltatrice:

  • i modelli F24 utilizzati per il pagamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilati dei lavoratori impiegati nella prestazione dell’opera o del servizio affidatogli dal medesimo committente, compilati secondo le indicazioni contenute nella risoluzione dell’ Agenzia delle Entrate 24.12.2019 n. 109;
  • un elenco nominativo di tutti i lavoratori, indicandone anche il codice fiscale, impiegati nel mese precedente nell’esecuzione dell’opera o del servizio, con il dettaglio delle ore di lavoro prestate da ciascun lavoratore;
  • l’ammontare della retribuzione corrisposta a ciascun lavoratore impiegato nell’ese­­­cuzione dell’opera o del servizio affidato dal committente;
  • il dettaglio delle ritenute fiscali eseguite nel mese precedente per ciascun lavoratore, con separata indicazione delle ritenute relative alla prestazione affidata dal committente.

Tale obbligo si applica ai committenti che affidano ad una azienda appaltatrice opere per un importo annuo superiore a 200.000 €.

Partners

clients logo
clients logo
clients logo
clients logo
clients logo
clients logo